• ANCHE NOI SIAMO OGM

Tutti coloro che stanno cominciando a leggermi, volenti o nolenti, sono degli organismi geneticamente modificati o sarebbe meglio dire migliorati, in quanto tutti noi siamo andati incontro a mutazioni genetiche continue e siamo molto diversi e si spera migliori dell’uomo di Neandertal di centomila anni fa. Ma non solo noi, ma tutti gli esseri viventi, piante e animali sono organismi che vengono geneticamente migliorati dall’evoluzione naturale stessa. Le biotecnologie che abbiamo oggi a disposizione sono l’espressione concreta e applicativa delle nostre conoscenze sul DNA ed è a tutti evidente, per esempio, che l’agricoltura sarà in futuro sempre migliore proprio perché riusciremo a controllarla e migliorarla geneticamente. Tutti voi sapete meglio di me che nel secolo scorso la produzione agricola veniva migliorata incrociando piante diverse. Invece oggi lo stesso processo viene fatto in laboratorio in pochi minuti. Gli alimenti che noi abitualmente abbiamo nella nostra dieta sono il risultato di secoli di selezioni, incroci, ibridazioni, compiuti su animali e piante e sono esattamente gli stessi fenomeni cui danno luogo gli organismi geneticamente migliorati. Ma prendiamo il caso del mais che viene in una certa parte divorato dagli insetti. Per limitare questi danni vengono usate normalmente dosi elevatissime di pesticidi che sappiamo possono essere cancerogeni. Le biotecnologie hanno permesso di ottenere piante di mais capaci di autoproteggersi dall’attacco della piralide, l’insetto che distrugge le coltivazioni di mais, grazie a un gene che abilita la pianta a produrre una sostanza che causa la morte della piralide. Questo processo non solo evita di impiegare sostanze cancerogene come i pesticidi, ma offre importanti benefici anche alla salute umana, infatti la piralide porta alla produzione di funghi che producono micotossine, sostanze cancerogene responsabili del tumore del fegato. Pertanto, chi coltiva mais cosiddetto naturale, con la disponibilità’ di utilizzare mais geneticamente migliorato, continua paradossalmente ad eseguire una azione "cancerogena". Per quanto riguarda la salute, va detto chiaramente che i controlli fatti dagli organismi internazionali quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità’ e la FAO, confermano che non vi è alcun grado di tossicità OGM vegetali in commercio. E chi parla di principio di precauzione, lo tira in ballo assolutamente a sproposito. Ormai in molte parti del mondo e non solo negli Stati Uniti e in Canada, ma anche in Brasile, in India, in Cina e in Australia si sta mangiando cibo con gli organismi geneticamente migliorati e nessuno ha notato alcunché di anomalo, anzi dovrebbe essere impiegato per combattere al meglio la fame, come in Africa, dove solo per fare un esempio, i pomodori senza introdurre alcunché di estraneo, ma solo modificando un loro gene, possono resistere molto più’ a lungo di quanto normalmente non fanno e quindi essere mangiati prima di marcire come succede oggi, a causa della scarsa qualità dei sistemi di trasporto esistenti in quei paesi. Sostanzialmente la lotta agli organismi geneticamente migliorati e’ spesso solo ideologica, contro i "cattivi", i soliti americani, farcito di slogan privi di buon senso tipo "la natura i suoi prodotti non si toccano", ma gli stessi discorsi senza senso venivano fatti ai tempi dell’introduzione dei vaccini (ancora vengono fatti oggi) o della carne in scatola o della adozione del frigorifero, ecc. Infine, in questa battaglia di retroguardia che non ha successo contro l’innovazione tecnologica in atto, io sono personalmente discriminato in quanto non posso mangiare cibi geneticamente migliorati, che ritengo nettamente migliori e più controllati rispetto ai naturali, in quanto in Italia questa possibilità non esiste ancora, mentre esiste in tante parti del mondo. Infine e’ ovvio, che tutti questi processi devono essere controllati attentamente come succede oggi e sottoposti agli organismi di controllo internazionali, che non sono come molti pensano in maniera dietrologica corrotti o comunque sotto il controllo dell’industria che produce queste sostanze. Infatti, chi ha esperienza di questi meccanismi sa quanti prodotti vengono bocciati perché’ tossici o comunque senza i requisiti necessari, che invece gli organismi geneticamente migliorati hanno dimostrato di possedere.

 

|   home page   |   note legali   |   privacy   |   copyright   |   contatti   |